My Post

Si torna a scuola: come organizzare una mensa migliore?

Come è riuscita Dussmann a guadagnare la top 10 della classifica Foodinsider in 3 città? Cosa può fare un’azienda appaltatrice per salire nella prestigiosa graduatoria e offrire menu buoni, sani e sostenibili? Le best practice individuate dal Rating di Foodinsider rivelano come alcuni Comuni applicano, al meglio, le raccomandazioni dell’OMS e del Green Public Procurement su cui si basano i criteri premianti della classifica.

Perché lo scorso maggio Dussmann è riuscita a spuntare addirittura tre posizioni – FanoRimini e Jesi – nella top 10 del report annuale di Foodinsider? L’osservatorio vanta un prestigioso comitato scientifico, collaborazioni capillari dalle mense di tutto il territorio italiano e audizioni in Camera e Senato del Parlamento. Ha valutato per il terzo anno consecutivo i menu invernali delle scuole primarie di cinquanta Comuni, da Nord a Sud, e i risultati hanno premiato le mense delle scuole di Fano – cresciute di due posizioni rispetto all’anno precedente e posizionatesi al terzo posto –, ma anche Rimini e Jesi, che si posizionano rispettivamente al quinto e settimo posto della classifica. Tutti servizi di ristorazione scolastica gestiti da Dussmann. Perché questo successo?

Foodinsider punta a valorizzare quei Comuni che promuovono corretti stili alimentari in mensa, proponendo pasti in linea con le Raccomandazioni dell’OMS”, spiega Claudia Paltrinieri, fondatrice e responsabile del portale. “Se si volesse tradurre la classifica con il nome dei fornitori, è interessante notare che nell’ultimo rating alcune aziende occupano effettivamente più posizioni all’interno della top ten”. Un risultato più unico che raro quello di Dussmann, insomma, che si avvicina alle raccomandazioni più recenti in fatto di buona alimentazione e anche ai criteri ambientali minimi del Green Public Procurament, “vale a dire chi propone una buona dieta mediterranea rispettando logiche sostenibili. In pratica: varietà di cereali e verdure, più legumi e meno carne (soprattutto rossa), biologico oltre il 40%cucina di prossimità e niente plastica in mensa”, continua Paltrinieri.

Cosa ha portato Fano sul podio? “Le 9 cucine di Fano producono circa 2mila pasti al giorno– racconta il Direttore Regionale della Filiale Adriatica, Alberto Priori – Circa la metà viene trasportata ‘legame fresco caldo’ e, nel rispetto dell’ambiente, sono stati installati in tutte le scuole erogatori ‘Io Bevo’ per l’acqua di rete. Il menu viene realizzato in collaborazione con il dietista Fabio Tinucci, per un bilancio calorico e nutrizionale controllato ed ecosostenibile. Negli ultimi tre anni, inoltre, sono stati introdotti prodotti del territorio certificati, con frutta verdura locale e carne rossa IGP”.

Dussmann gestisce inoltre il servizio di refezione nelle scuole di Rimini dal febbraio 2015, con un totale di 1.129 pasti. Secondo i dati di Foodinsider, a fare la differenza nel servizio sono i piatti gourmet, come gli gnocchetti sardi con erbe aromatiche e mandorle e l’uovo sodo con salsa verde; ma anche l’offerta varia di pesce fresco e l’utilizzo di impasti integrali, in particolare nelle pizze. Jesi l’azienda leader nella ristorazione collettiva è attiva dal dicembre 2014 con 1.763 pasti al giorno. Qui Dussmann si è distinta per l’impegno a ridurre dessert e merende dolci.

Il nostro obiettivo è eccellere nella qualità, e facciamo nostre le raccomandazioni per un menu sano e sostenibile alla base dei criteri premianti di Foodinsider. Cercheremo ove è possibile, e progressivamente, di allinearci sempre più al rispetto di regole nutrizionali validate ormai da prestigiosi studi e review scientifiche internazionali, nell’ottica del mantenimento di uno stile di vita sano e sostenibile per l’ambiente”, precisa il Direttore di Filiale e Consigliere Delegato Customer Care, Graziano Sanna.

Nello specifico, le 10 aree di miglioramento suggerite dal Comitato Scientifico di Foodinsider a tutti i fornitori delle mense italiane si trovano dettagliate a questo link http://www.foodinsider.it/mense-scolastiche/3-rating-menu-scolastici/. In generale, si suggerisce di diminuire l’offerta di proteine animali, di aumentare la varietà dei cereali, scegliendoli integrali e biologici, di limitare l’uso di uova, e preferirle fresche e non pastorizzate.

“Questo successo – conclude Sanna – non è solo nostro ma di tutte le amministrazioni comunali, i Sindaci e i Dirigenti di settore che, grazie alla loro attenzione nei confronti di un servizio così delicato, ci hanno ogni giorno stimolati a migliorare la nostra offerta, consentendoci di raggiungere questi livelli di eccellenza. Da qui ripartiamo, insieme ai nostri clienti, per fare ancora meglio”.

Dussmann Service 

Il Gruppo Dussmann impiega oltre 70.000 persone in 17 paesi. Dussmann Service fornisce l’intera gamma di servizi di facility: Pulizia, Catering, Sicurezza e Reception, Servizi Tecnici ed Energy Management. Nel 2017, il gruppo Dussmann a livello globale ha realizzato un fatturato oltre 2 miliardi di euro, di cui circa 446 Milioni a livello nazionale, che lo rende uno dei più grandi provider di multi-servizi privati di tutto il mondo.