Andrea Rossetti sul 5G e Huawei per formiche.net

Andrea Rossetti (professore di Informatica giuridica all’Università di Milano Bicocca, co-fondatore e partner di Red Open, società specializzata nell’Intelligenza Artificiale) ha commentato, insieme con Stefano Zanero, per formiche.net, il documento di tre pagine con le linee guida per il 5G svelato dalla testata, che prevede una stretta sui fornitori extra Ue come le cinesi Huawei e Zte.

Secondo Rossetti, è “una buona idea, ma non è sufficiente. È stato dimostrato che si possono inserire backdoor al livello della compilazione del codice. Per evitarlo, è necessario verificare la corrispondenza dell’eseguibile con il codice”.

Il partner di Red Open è scettico tanto sulla soluzione sottesa alle linee guida quanto sulla possibilità di un’esclusione tout-court dalla rete di Huawei e Zte (come chiesto da Washington Dc). “Ci deve essere una decisione presa a livello europeo. Ma l’Europa non deve necessariamente schierarsi con gli Stati Uniti e la Cina. Un conto è illudersi che possa competere con questi due giganti, un conto è ignorare che ci sono diritti e regole da rispettare per chiunque”.

Leggi qui l’articolo di Formiche.net